venerdì 19 marzo 2010

Il più caro amico!!!

Ci ha lasciati anche lui... il più caro amico di mio padre!!!
Erano entrambi ragazzini e già erano amici: hanno condiviso molte cose insieme, erano compagni di scuola e poi di Università, hanno cominciato la loro avventura nella medicina insieme seguendo poi due strade diverse, sono andati a morose insieme, in vacanza insieme... e poi crescendo hanno partecipato ogniuno alla vita dell'altro, sempre insieme, sempre amici.
Domani andrò a dargli l'ultimo saluto e gli chiederò di portare un bacio al mio papà.
E' stato sempre vicino alla mia famiglia, fin da quando ero bambina. C'era nei momenti di maggior gioia ma soprattutto in quelli del dolore e della malattia... e in quelli del lutto!
Sempre presente, sempre vicino.
Addio Amico, addio caro Paolo!!!

Un bacio
Francesca

10 commenti:

ALCHEMILLA ha detto...

Un abbraccio in questo triste momento.

Stefania ha detto...

Un abbraccio Francesca e un sorriso , Stefania

daniele ha detto...

E' come trovarsi senza più il tetto,ma poi ci si accorge che quando piove non ci si bagna e l'inverno non è freddo.Allora si capisce che i mattoni ci sono,si sono trasformati in cristallo e ci hanno insegnato a vedere le nuvole e le stelle.Un abbraccio,

Daniela B. ha detto...

Ti sono vicina, e sono felice di questa amicizia tra diverse "generazioni" :-)

Cicabuma ha detto...

Al funerale ho pianto!!! Mille cose mi sono tornate alla mente!!!
Sono triste!
Francesca

Raffaele ha detto...

Carissima Francesca,
Ti sono assai vicino, capisco il tuo cuore ed il tormento che a volte arriva fino all'anima perché siamo come quell'albero della vita, che ogni tanto si spoglia e perde dei rami preziosi e assai cari al cuore di chi sa cosa voglia dire amore e amare. Ma sappi solo CHE LA VITA CONTINUA CON ALTRE FORME ANCHE OLTRE QUESTA VITA STESSA.

E tu sai che il mio albero è stato intaccato fino alle radici eppure ti parlo di queste cose sapendo anche che spesso non si è capiti.

Se solo capissimo un frammento di quell’antico detto che dice CHE LA VITA E’ MORTE E LA MORTE E' VITA. Parole che il mio guerriero immortale cuore ha sublimato da quella indefinibile esperienza esistenziale che mi ha condotto a a quella Diana Divina caccia e Apollinea luce in viva morte morta vita vivo.

La morte non è niente.

Sono solamente passato dall’altra parte:
è come fossi nascosto nella stanza accanto.

Io sono sempre io e tu sei sempre tu. Quello che eravamo prima l’uno per l’altro lo siamo ancora.
Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare; parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato. Non cambiare tono di voce, non assumere un’aria solenne o triste.
Continua a ridere di quello che ci faceva ridere, di quelle piccole cose che tanto ci piacevano quando eravamo insieme. Prega, sorridi, pensami! Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima: pronuncialo senza la minima traccia d’ombra o di tristezza. La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto: è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza.
Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista?

Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo. Rassicurati, va tutto bene.
Ritroverai il mio cuore, ne ritroverai la tenerezza purificata. Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami: il tuo sorriso è la mia pace.

Sant'Agostino

Nicoletta ha detto...

Crissima Francesca,

ti abbraccio forte!

Nicoletta

Alex l'anonimo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=u8LtN35B-Lc
...una riflessione di Pavese

Marta ha detto...

Un abbraccio.
Marta

Miriam ha detto...

Ci vuole molto tempo per elaborare un lutto, solo molto tempo e fiducia!
Ti abbraccio forte!!!