lunedì 19 gennaio 2009

Tromba delle scale...


Stasera coi bambini ho fatto una bella scoperta.
Fermandosi su un preciso gradino delle scale che dalla zona giorno portano alla zona notte della nostra casa c'è un'acustica eccezionale.
Stasera, in barba a tutti i programmi televisivi serali, abbiamo passato il tempo a cantare sulle scale. A turno, uno per uno, ci siamo esibiti in un estemporaneo concerto che ha dato a tutti grandi soddisfazioni. Marta, che è convinta di avere una bella voce, e a dire il vero è vero!, si è esibita nientepopodimeno che con il gorgheggio della Regina della Notte (credo si chiami così...) del Flauto Magico di Mozart... Giovanni ha cantato una canzone di High School Musical 3 mentre io, più modestamente, mi sono esibita con una semplice melodia in latino appresa al coro parrocchiale.
Il concerto è stato applaudito dal papà, che si è astenuto da ogni performance, con grande calore.
Abbiamo un futuro come cantanti... da tromba delle scale!!!
Un abbraccio

Francesca

14 commenti:

giorgio ha detto...

Grande idea!
Grazie, faremo anche noi ricerche acustiche.
Convincete anche il papà, però!
Ciao, Giorgio.

Lucia ha detto...

Quanto mi piacciono 'ste cose: sono di un'allegria, di una semplicità, di una serenità splendida.

Bravi!!!

Un saluto

Lucia

Lori Tubbs ha detto...

Mi ricorda tanto quando con la mia mamma cantavamo accompagnandoci con cucchiai e pentole.
Quello che hai scritto da'proprio l'idea di una famiglia serena.
Complimenti per il blog.

Francesco ha detto...

Sinceramente sleggendo il titolo avevo letto "Tromba nelle scale". Ho pensato ,,, Francesca si sarà data all'hard!

Son pazzo quindi perdonami!

P.P. Non sono un canterino. Non ho neanche l'uccello canterino, quindi niente scale per me!

Cicabuma ha detto...

Ma sai Francesco, l'acustica fa miracoli. Anche un filo di voce diventa un tuono...
Mi hai fatto ridere come una matta con il tuo errore!!!
Un abbraccio
Francesca

Giorgio, Lucia, Lori... io ho sempre sostenuto l'idea che meno cose si hanno e meglio si apprezza quello che c'è. I miei bimbi non hanno tanti giocattoli, anzi davvero pochi, ma hanno tantissimi colori, tanti fogli bianchi da riempire e tanta, tantissima fantasia. Spesso facciamo giochi di teatro, scenette, gags... è davvero divertente!!!
Un abbraccio
Francesca

Paola ha detto...

Fantastico, mi sembra di vedervi :D

Francesco ha detto...

Ma Paola cosa pensi di vedere? La versione hot di Francesca nelle scale....!

Cicabuma ha detto...

Ma Francesco, sei un maniaco!!!

Raffaele ha detto...

C'è sempre un momento in cui rilasciando tanti ripetitivi potenziali dettati dalla mente e dal fare ritorniamo ad essere noi stessi, a giocare a scherzare, a cantare come quando eravamo bimbi.

E' proprio questo il momento magico che ci fa sentire noi stessi, che ci da sublimi emozioni al cuore e anche tanta energia che per i più grandi è anche rossa passione, energia sessuale.

Necessarie Giovani emozioni conservate nel cuore, mature meditate contemplazioni riesumare dal cuore.

Ciao Carissima Francesca, gioca spesso con i tui cari perchè anche questa è poesia. Poesia della vita.

Francesco ha detto...

Non ancora!!

Andrea ha detto...

Dopo la Scala di Milano... la Scala di casa Francesca :D

Mi piacciono tanto questi tuoi racconti di vita comune narrati in modo semplice e con tanta emozione.

Brava Francesca!

Un saluto d'oltreoceano

alehcim81 ha detto...

Che bello!
Allora fra un po' organizzate un concerto?
Mi sarebbe piaciuto sentirvi!
E complimenti a tua figlia per la scelta!

Cicabuma ha detto...

La scelta è bella, certo... forse un po' azzardata ma la perdono vista la giovane età!!!
Un grande abbraccio a tutti da una Francesca mezza influenzata e mezza distrutta...
Baci baci (a debita distanza!) da
Francesca

Anicestellato... ha detto...

Meraviglioso quadretto familiare, immagino l'entusiasmo dei bambini!
Il libro della Serrano è la mia ttuale lettura, gradevole e scorrevole, un abbraccio nella speranza che vada tutto bene