giovedì 12 novembre 2009

Homeschooling

Se l'avessi saputo prima... ma non è che questa possibilità venga pubblicizzata!!! Anzi, a dire il vero non ne avevo mai sentito parlare prima di leggere il blog di Claudia ( http://www.lacasanellaprateria.com/ ) .
L'idea di essere io stessa l'insegnante dei miei figli è affascinante. Marta, soprattutto, ha fatto delle scuole elementari talmente scarse che sarebbe stato sicuramente meglio se avesse fatto Homeschooling!!! Ma temo che ormai sia troppo tardi! Non sarei in grado di seguirla nei programmi piuttosto fitti e complessi della scuola media. Potrei senz'altro seguirla in alcune materie come italiano, storia, geografia, arte e immagine... ma in quelle scientifiche come matematica, scienze, tecnologia non sarei senz'altro all'altezza!!! E con le lingue?
Insomma, ho la sensazione di aver perso un treno importante!!!
Per Giovanni il discorso è diverso. Sono molto contenta delle sue maestre, soprattutto dell'insegnante prevalente che cura tutte le materie letterarie, e inoltre la sua classe conta solo 12 bambini...
In quella di Marta erano 25!!! Praticamente le maestre erano più impegnate a mantenere l'ordine che ha insegnare alcunchè!!!

L'altro giorno ho visitato il blog di Sybille ( http://buntglas.wordpress.com/ ) e sono rimasta folgorata dalla fantasia, dalla creatività e dalla bravura di questa mamma che fa Homeschooling ai suoi figli di 13 e 10 anni!!!
Lei segue i suoi bambini con amore, nel rispetto delle loro caratteristiche, esaltando le loro capacità, insistendo nelle lacune, portando avanti un programma che non ha tappe forzate, con fantasia e creatività... Che meraviglia!!! Ogni due anni, da quel che ho compreso, i figli devono sostenere degli esami, l'unico scoglio istituzionale a questo loro imparare un po' anarchico ma decisamente più rispondente alle loro esigenze e caratteristiche!!!
La scuola, a ben vedere, vuole tutti omologati e uguali... Non c'è ne' tempo ne' spazio per la fantasia e la creatività, per l'approfondimento personale, per una ricerca personalizzata... C'è un programma e questo va completato entro la fine dell'anno!!! Poco importa se le cose si sono apprese o meno, se sono state studiate con il cuore o solo con la memoria.... Non so, il nostro sistema educativo mi lascia sempre un po' di amaro in bocca!!!


L'unica perplessità che mi suscita il sistema dell'Homeschooling è il rapporto con i coetanei. Non è che questi bambini che studiano in casa restano un po' isolati, un po' al di fuori da quello che è il mondo dei bambini, dei ragazzini della loro età? Ma forse, a pensarci bene, non è così!!! Ci sono molteplici altre occasioni per incontrare i coetanei, non c'è solo la scuola, anche se la scuola sicuramente è il principale... ma non il solo!!!


Se l'avessi saputo prima.....
Un abbraccio

Francesca

7 commenti:

Daniela B. ha detto...

Ciao Francesca,grazie per l'email di partecipazione allo scambio di natale,lunedì vi farò sapere gli abbinamenti dopo aver estratto a sorte tra i partecipanti!
un bacione
Daniela

Cris ha detto...

Ciao Francesca:
In Spagna , in Catalogna c´é una società di genitori che non hanno escolarizato i loro figli.
Io non ne ho , ma penso che se li avesi, non li scolarizzerei, perché penso che la scuola non sá aprofittare il potenziale dei bambini e amiche mie insegnanti, dicono lo stesso.
L´unico problema é che uno dei genitori non dovrebbe lavorare o dovrebbe avere un orario di lavoro molto flessibile.
Un bacione
Cris

Sybille ha detto...

Ciao, che sorpresa questo post :)
Sulla socializzazione avevo scritto qualcosa qui:
http://buntglas.wordpress.com/2009/07/08/die-sozialisationsfrage/
e alcuni dei link di questo post in versione tedesca sono in inglese.
Ciao
Sybille

valentina ha detto...

Ciao!sì mi farebbe molto piacere ricevere l'invito per i blog dei tuoi bimbi!!!mandamelo pure!
un abbraccio!

Francesco ha detto...

Mi era venuta una perplessità leggendo queste curiosità quantomeno interessanti..ho trovato la risposta nell'ultimo periodo del post.

Credo che saresti una brava maestra anche nelle materie in cui pensi di avere più difficoltà..!

un abbraccio

Cicabuma ha detto...

Spesso ho l'impressione che per molti la scuola è vissuta non tanto come luogo di apprendimento e crescita, ma come un modo come un altro per parcheggiare i figli intanto che si va a lavorare...
Terribile!!!
E in Italia la scuola è trascurata, con pochi mezzi, bistrattata... quando invece dovrebbe essere, insieme alla sanità, in testa alle priorità di uno stato che voglia dirsi civile!!!
Francesca

Lucia ha detto...

Ciao Francesca.
Vedo che non solo sei sempre attiva, ma anche ...innovativa!
Un mio collega diceva che quando arrivava in ufficio e vedeva che una donna aveva cambiato radicalmente taglio o colore di capelli cominciava (lui) a preoccuparsi perchè sicuramente le cose non sarebbero andate più come prima e avrebbe trovato del filo da torcere...Benvenga, gli ho risposto, mi sembra un'ottima promessa per il futuro!

Così per te: non mi pare proprio che tu possa essere scontenta di te, anzi, ma mai mettere fermo al crescere: ...benvenga.

E a proposito di profumo di pane: io ho fatto le focacce, fatte in casa.....che delizia!
Un saluto

Lucia