martedì 6 aprile 2010

PASSO DOPO PASSO

Non si può imparare a correre se prima non si sa camminare e non si può camminare se prima non si è riusciti almeno a stare in piedi. Bisogna fare un passo alla volta.
Questa è una delle grandi lezioni che mi ha lasciato mio padre. Lui era solito dire che nella vita le conquiste si fanno gradualmente, uno scalino dietro l'altro; come nel Rugby, dove la meta si conquista metro dopo metro.
A volte dimentico questa lezione e vorrei correre, vorrei cominciare dalla fine, vorrei già raggiungere la meta, senza pazienza e senza saggezza.
Ed è quello che mi è successo in questi giorni.A volte corro troppo, galoppo ben oltre ciò che si può sperare in questo momento. I miei sogni sono tanti, ma devo procedere con cautela.
Però a volte penso: "Diamine, ho 42 anni quasi... qui a forza di cautela si invecchia!!!".
Be si, anche questo è vero! E allora bisogna porsi degli obiettivi realistici e partire, senza titubanze.
Mi preparerò un elenco di piccoli-grandi sogni che vorrei realizzare e partirò dal più semplice, dal più immediato... Passo dopo passo... metro dopo metro... fino alla meta! Raggiunta quella passerò alla meta successiva!!!
Bene allora; mi infilo la maglia a righe orizzontali, le scarpette chiodate e parto... Dov è la palla ovale?

4 commenti:

valentina ha detto...

Sono contenta che hai tolto il post di ieri sera..ti sento più tranquilla e anche più determinata..
Ti abbraccio forte!!

fairy tale ha detto...

Francesca e bene!Cercatto parlare italiana.Io sono contento per paroli chi tu dice,Domani prendere dictionario rumeno-italiano e cercato parla italiana! No ridere per mio paroli.Lingua italiana no dificile per me.Mi piace cultura italiana qi e diversifica.Pictori come Michelangelo e da Vinci e Raphael Sanzio sono extraordinari.No sei de cultura moderna italiana .Io citiamo la libri e documentario.In futuro io parla bene lingua e poi parlare bene con te.Arividerci dona Francesca

Cicabuma ha detto...

Grazie Fairy Tale per il tuo grande sforzo nel parlare italiano... e al di la degli errori, ho capito molto bene quello che volevi dire. Mi fa molto piacere avere un lettore rumeno così tanto amante dell'arte e della cultura italiana. A presto
Francesca

Daniela B. ha detto...

Francesca, proprio ieri sera ho visto il film Invictus, dove il rugby e la sua filosofia sono centrali..se non l hai ancora visto cercalo, lascai un bel messaggio positivo :-)
ti capisco, io spesso punto subito alle grandi mete (avere una casa etc..) ma poi mi accorgo che sono indecisa nelle piccole scelte..allora mi sono presa un impegno:non rimandare!nel senso che ad esempio volevo tagliarmi i capelli da mesi, ma rimandavo sempre..oggi l'ho fatto e basta, senza starci troppo a pensare.O dovevo fare gli esami del sangue e non avevo mai voglia di andare a farmeli prescrivere etc..invece sono andata e gli ho fatti.Insomma, cerco di non rimandare niente.Sia nelle cose più faticose (tipo appunto fare gli esami del sangue di cui ho sempre paura!) come nelle belle:mi piace un libro?bene, se proprio ne ho bisogno lo prendo e non sto li a rimuginarci per ore.Lo so, sono piccole cose, ma come dici tu si parte dal piccolo e pian piano così cercherò di diventare più forte e di raggiungere anche le mete più grandi che sogno!cosa che auguro anche a te! :-)